C’è un tempo massimo e minimo di uso del RIPIV?

In teoria no ma siccome l’azione è essenzialmente rivolta nei confronti della CONVERGENZA oculare questa interviene in tutte quelle attività che , DA VICINO, sottopongono i nostri occhi a stress (LETTURA, PC, TV,…) quindi più che al RIPIV questa preoccupazione deve essere rivolta nei confronti di queste circostanze che devono essere ricreate il meno possibile e, in caso contrario, dobbiamo effettuare ESERCIZI DI RILASSAMENTO  prevedendo in ogni caso periodi di adeguato riposo per i nostri occhi durante la giornata.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *